Pagine:

mercoledì 2 febbraio 2011

Osservazione strumentale del clima Terrestre (da: "Il surriscaldamento politico della Terra")





Qui sotto Riporto il link di un capitolo del libro "Il riscaldamento politico della Terra" di Danilo Speranza (corredato da un introduzione che sarà uguale per tutti i capitoli riportati nel Blog), intitolato "Osservazione strumentale del clima terrestre".



Questo ed altri capitoli del libro sono visualizzabili al seguente Link:
http://www.pluriversity.it/contStd.asp?lang=it&idPag=382



NOTA: non sto valutando qui ne Danilo Speranza, ne l'intero libro "Il surriscaldamento politico della Terra", ma solo il capitolo di volta in volta presentato.


Questo capitolo tratta le difficoltà insite nel misurare una "temperatura media della Terra".
Per prima cosa bisogna dire che la "temperatura media della terra" non esiste: è un dato calcolato facendo la media ponderata (e con aggiustamenti vari) delle temperature delle varie stazioni di misurazione presenti nel globo, stazioni spesso assai rade e non sempre posizionate nel migliore dei modi (un termometro in un parcheggio registrerà temperature anormalmente alte a causa del microclima creato dall'asfalto scuro ad esempio, poi i fattori di antropizzazione e microclimatici attorno ad una stazione possono variare nel corso degli anni mutando il microclima e rendendo difficilissimo correggere i dati).
E' sulla base delle stime riguardo alla Temperatura media Terrestre che si basa gran parte della teoria del Riscaldamento Globale Antropico dovuto alla CO2 (colloquialmente chiamato "Effetto Serra") e tali dati (che poi si riferiscono ad un misero aumento di temperatura stimato attorno a 0,7°C in un secolo, e più precisamente ad un aumento probabile che va dai 0,3 ai 0,9°C) sono molto più incerti di ciò che comunemente si crede. Difatti le serie storiche delle temperature risalgono a circa un secolo fa e, soprattutto quelle più antiche, sono zeppe di "buchi" (mancanze di dati per periodi più o meno prolungati) e riferite a pochissime stazioni di rilevamento (poi bisogna contare che nel 1850 è finita la cosiddetta "Piccola era glaciale", caratterizzata da alcuni secoli di clima decisamente più freddo del normale); inoltre anche le serie più recenti possono avere "buchi" sia errori strumentali o incongruenze dovute alla sostituzione della strumentazione, allo spostamento delle centraline di rilevamento in zone con diverso microclima, a variazioni consistenti del microclima dovute ad un aumento dell'urbanizzazione della zona stessa ecc, per non parlare del fatto che molte centraline (soprattutto nei paesi in via di sviluppo e nelle zone polari) dovrebbero essere "significative" per territori molto vasti e anche per territori con notevoli variazioni di altitudine e di altri fattori influenzanti il clima locale ed il microclima.


Dove non ci sono stazioni di rilevamento viene segnata una temperatura anormalmente alta..



Da ciò si conclude che purtroppo tali dati sono assai inaffidabili, quindi non possono certo essere sbandierati come certezze da certi scienziati a meno che essi non siano o molto ignoranti o in mala fede.



-------------------------------

LINK:

Nonostante il crescente sospetto che il global warming sia solo una farsa radicata in un terrorismo psicologico a basso costo, assurdi proclami continuano ad influenzare l'agenda e le decisioni di numerose nazioni in materia di politica energetica.
Sono davanti agli occhi di tutti le cronache d'inverni freddi caratterizzati da eccezionali nevicate e di miti estati che mal si conciliano con il tanto paventato "surriscaldamento" del pianeta.
Tuttavia, nello scorso dicembre 2008 i paesi dell'Ue, dopo oltre un anno di trattative, hanno trovato un accordo su un pacchetto di misure riguardanti la riduzione dell'effetto serra. E nel Settembre 2009 si terrà a Copenhagen una conferenza sul clima per discutere la regolamentazione delle emissioni di CO2 a livello globale.
Il riscaldamento politico della Terra, di Danilo Speranza, oltre a raccogliere importanti ricerche a confutazione della teoria del riscaldamento globale, propone una panoramica storica sulle origini della stessa e, soprattutto, una documentata ricostruzione degli interessi politico-economici che la supportano, svelando allo stesso tempo le falsità e le manipolazioni sui dati operate dai suoi sostenitori.
Chi sono i sacerdoti di questa nuova religione? A cosa mirano? In che modo sperano di raggiungere i loro obiettivi? Chi trae veramente beneficio dalla corsa alle rinnovabili? Esistono reali possibilità nell'ambito delle energie alternative?
A queste e altre domande l'autore fornisce una risposta convincente e acutamente provocatoria.
-----------------


[se potrò in seguito aggiungerò un link da cui scaricare il testo, riportandolo in una mia sezione Files in modo che anche un suo spostamento nel sito originale non ne pregiudichi la lettura, ma per poterlo fare devo prima chiedere all'autore del libro se è d'accordo e non ho trovato un suo recapito]

-------------------


Contenuti:
[elenco dei titoli dei paragrafi del capitolo indicato; i paragrafi verranno segnati in grassetto e i sottoparagrafi in corsivo]


Titolo del Capitolo:
"Osservazione strumentale del Clima Terrestre"
(da pag.49 a pag. 60).

____________________________________


by
"Effetto Serra: la Grande Bufala!"
___________________________
Blog: http://effetto-serra.blogspot.com
ML: http://groups.google.com/group/effetto-serra
Email: effetto-serra@googlegroups.com
___________________________


Nessun commento: